Non ci sono articoli in questa categoria. Se si visualizzano le sottocategorie, dovrebbero contenere degli articoli.

Sottocategorie

In questa sezione sono raccolti, i curricula dei dirigenti e dei titolari di incarichi di diretta collaborazione in servizio presso questa AMministrazione e i curricula dei dirigenti e dei titolari di diretta collaborazione che sono cessati dagli incarichi.
Le dichiarazioni ai sensi dell’art. 20 del d.lgs. 39/2013 sono inserite in fondo al singolo Curriculum.

In questa pagina sono pubblicati, ai sensi dell’articolo 18 e 15, c. 1,2 del d.lgs. 33/2013, i dati relativi agli incarichi conferiti o autorizzati ai dipendenti di questa Amministrazione Pubblica, e a consulenti e collaboratori, come indicato all'art. 15

Gli enti pubblici hanno l'obbligo di pubblicare sui rispettivi siti web, a partire dal 2013, i dati relativi ai compensi erogati nei confronti di persone, professionisti, imprese ed enti privati e i dati relativi a sovvenzioni, contributi, sussidi e ausili finanziari concessi alle imprese (articolo 18 del Dl 83/2012 - Amministrazione aperta - pdf).

Il codice di comportamento indica i doveri di comportamento dei dipendenti delle P.A. e la loro violazione è fonte di responsabilità disciplinare. Tra i principali doveri a carico dei dipendenti si ricordano i seguenti: diligenza, lealtà, imparzialità e buona condotta.

Ai sensi dell'art. 54 del D.Lgs. 165/2001, come modificato dalla L. 190/2012 (Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell'illegalità nella pubblica amministrazione), ogni pubblica amministrazione procede ad approvare un proprio codice di comportamento che integri e specifichi il codice di comportamento generale approvato con D.P.R. 62/2013.

Con Decreto Ministeriale 23 dicembre 2015 n. 597 è stato approvato il CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DEL MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO (vedi D.M. e Codice cliccando sul nome in rosso)

Le Amministrazioni per mettesi in regola con "Amministrazione Trasparente" devono attivare e pubblicare, per mettersi in regola con le disposizioni sancite dall'art. 1, comma 32, Legge n. 190/2012, le specifiche tecniche stabilite dall'AVCP (Autorità per la Vigilanza sui Contratti Pubblici di lavori, servizi e forniture).